martedì 17 gennaio 2017

E ANCHE LUXOTTICA CE LA SIAMO GIOCATA !


PROSEGUE LO SHOPPING AL MERCATO DEL BELPAESE


La storia della LUXOTTICA e una di quelle storie
delle quali a giusto titolo una nazione dovrebbe andare orgogliosa.
Inizia nel 1961 ad AGORDO, un piccolo paesetto del bellunese di 2.000 anime all'epoca. Oggi sono poco più di 4 mila. Già questo dice come, nonostante l'insediamento da oltre 50 anni di quella che diventerà una multinazionale, si possa conservare l'habitat originario. All' inizio dei " meravigliosi anni 60 ", quando c'erano poche leggi e pochi politici ladri, inizia questa storia dell' occhialeria Made in Italy che fra pochi giorni parlerà franzese.


SI SCRIVERA' ESSILOR LUXOTTICA 

Ieri alla Borsa di Milano i tappi di PROSECCO volavano a ripetizione all'annuncio dell' OPS di ESSILOR su LUXOTTICA

E' stato un progetto da tempo sul tavolo di Leonardo DEL VECCHIO, un progetto razionale, un piano industriale lungimirante, un'aggregazione che chiude il cerchio nel modo migliore. LUXOTTICA, campione mondiale delle montature per occhiali, vola a nozze con ESSILOR, campione mondiale delle lenti. Cosa di meglio in una Europa di 500 milioni di anime  che invecchia, con 1 miliardo di occhi sempre più bisognosi di lenti.

C'è poi l'altra parte del mondo, dove LUXOTTICA distribuisce a piene mani nei suoi punti vendita. Della società novella  Leonardo DEL VECCHIO conserverà la maggioranza relativa e la carica di Presidente Esecutivo.

Tutto bene quindi ! Tutto bene un corno.

Perchè l' OPS è lanciata da ESSILOR, perchè l'a società novella avrà sede a Parigi, sarà quotata alla Bourse de Paris e Luxottica sarà ritirata dalla Borsa di Milano.

Un particolare ancora : con gli stessi poteri esecutivi opererà 
Hubert Sagnières , ex numero uno di ESSILOR ed ora numero due della ESSILOR LUXOTTICA.

61 anni contro 81: secondo voi come andrà a finire ?

Mi sembra di rivedere la storia della fuga di FIAT .... oggi FCA.

Morale della favola : questo è un paese dal quale si può solo fuggire !