sabato 30 aprile 2011

Villa Torlonia : caro-corsa per gli atleti del sabato o urgenza sangue per le casse del Comune ?

Con estrema sorpresa sabato mattina i frequentatori dei viali di Villa Torlonia hanno trovato un bel foglietto rosa sul cristallo dell'auto. Qui, ai piedi della scalinata, da sempre s'è parcheggiato gratis senza problemi.

Cos'è all'improvviso cambiato ?


E' l'augurio di buona corsa del Comune di Frascati ?






O è la FRASCATI descritta da Paolo Pellicciari ? : " Frascati invece di "Stato Comune" è "Stato da Polizia Urbana": circa a causa Milioni di euro di contravvenzioni l'Anno ne sarebbero la Conferma. Fanno contravvenzione pura colomba non tariffa SI DEVE, Voi Che fa? "


Oppure è un urgente invito a fornire euro-gocce di sangue alle esauste casse comunali ?

PROMOZIONE CASTELLI ROMANI : " Scusi mi potrebbe dare qualche spiegazione ?"

Questo mi chiede un lettore.



E aggiunge : " Ho saputo che c'erano dei problemi "



I ricconti de Sor Medeo: ì sò 'ggiornati

Stemo a Novembre dù 2010




Pe chi no sa' che ogni tantu ve rinconto in dialettu Frascatanu,sorielle,fattarelli,quadritti de 'u vecchi Frascati. So ricordi o racconti che ogni tantu me venghenu mente.A cadunu nun piacerannu 'u modu come so' scitti e storcera 'u nasu ma i scrivo pe i ggioveni,me piaceria che leggisseru,cosi capiscenu de piu i padri!







I CHIRICHITTI DE SARROCCO
-Litichivenu pè gnente e pe gnente rifacivenu pace! Se liticheva p'accenne 'e cannele, pe smorzalle, pe' ji pe' bussoletta, pe' porta' l'incensiere e specialmente pe' sona' 'u campanellu.Se liticheva pe' gnente se' rifaceva pace.Appena finita 'a funzione se jeva tutti 'nsieme a gioca e...se ricominceva a litica' e se rifaceva pace, fina notte.


Nè 'u neguziettu de Zi Checca, steva all'angulu da chiesa del GESU e via Cairoli, ce steva de tuttu' ,maritozzi ciambelle,'o vinu', figurine,palline, tuttu teneva,era piccolu ma quanta roppa teneva.Steva davanti 'a 'u Furnarittu,Che tempi.

Stevo a pensa: come' che nun se trovenu ppiu' puci? Perche' semo puliti? NO! Perchè i semo 'vvelenati!


Mo se parla de vendemmia ma ando, na vota lo era me ricordo da monello: imuli co'i campanacci co' 'u tempu bruttu o bbellu d'a vigna portivenu tutta l'uva a 'u tinellu! Sti pori muli s'arrampichevenu pe' tutte é vie zzecchenno , scenngneno vie scale pe 'n falliscivola' se sparpajivenu le vie de puzzolana....'sti pori m...uli avanti e 'drietro
I campanaccie 'u rumore d'i zzoccoli t'assordeva .Urla e fustate dell'ortonisi che venivenu da tutti li pajsi.Ma piano piano l'uva 'rriveva tutta a' 'u tinellu 'n do' diventeva Vinu Llo vino che oggi nun se bbeve ppiu' ( 'U gridu d'u' vignarolo mezzo a' vigna "riccogJiete 'e vaga") se ve piaciut...a ve ne racconto altre .Ciao


Vendo uva D.O.C. 20 euro al q.e di localita' del'uva Cisternole -Colle Reti




‎''E case de 'na vota
ereno modeste,Nun cestivenu termosifoni,ma ce stivenu cammini e focuni. 'O friddu d'inverno nun se senteva 'ntorno 'a bbarce d'i cammini e 'a cenice e carbonella d'i focuni .Drento 'ste case era u calore dell'unita',dell'unita' d'a famija! 'Na famija poverella, ma ricca! Rcca d'amore ricca de cor...e!




I lavaturi: a funtana sotto u muru di Merli, sotto u muro de via Pensa, a funtana d'a porticella, d'u Matone. Oggi e silenzio drento ste fontane! An' 'do stannu tutti lli strilli, tutte lle chiacchere tutte le liticate.L'odore d'indico.d'e varecchina,llu via vai de femmine co' a conca 'n capu 'i fij pe' mani. An' 'do s...e oggi pe' sapè tutti i cazzi dè ll'atri



‎'Chi '0 sa perche' 'na mutatella (vestito) te faceva senti' 'n signore, e t'a tenivi addossu quasi finu a quanno jivi a fa' 'u sordatu? Era 'a stoffa! Perche' lla stoffa era bagnata co' 'o sudore pe' nun falla ristrigne!



'U giornale,Frascatano na vota eranu 'e funtane eranu ggiornali parlanti:fidanzamenti, spusalizi, corna, morti e malattie! Tuttu se sapeva drento 'ste funtanee lavenno i panni zzuzzi se sapivenu è cose belle e zzozze!




‎'U protetore d'u rione.
Pè tutti i riuni de Frascati ce steva 'na Madonna o 'n Santu appicicati a 'u muuru. 'St'immaggine prteggeva i Frascatani e 'n particolare quilli d'u rione! I ppiu' 'mportanti erenu: 'U bbambinu d'i Frati'Sarocco, 'a Madonna de Loreto, San Gaetano. Sant' Antonio e tanti altri.



Ai primi de Dicembre-D'rento 'e case c'è steva profumu dosce,'se preparivenu i panpepati,biscotti,ciambelle co vinu, Tutti erenu indaferrati e madri e fie grandi a l'impastu, i munelli fa u scocciatu .E madri che strillivenu ai fji che se magnivenu a ciuccolata e dita dentro u barettelu d'u' miele.Po jvenu au furnu è l...a sè litigheva pè è tielle ,questa è mea ,no è tea ! Nvota sè senteva Natale no mò!


i MUNELLI DE SANROCCO-"A Piazza Sanrocco nun ce steva 'nmetro de piazza libbero! Nun ce steva pezzittu de' murellu da riccapezzà nè portone da occupa!Se giocheva a picchiu,a figurine,a'ccorda,belle statuine,tizzu,a pallò,nisconarella,sartaquaia,campana, a fà i botti coi barattoli idrocarburo,se liticheva,communelle, a sera eramo stracchi,sudati,co 'u visu bianco e russu,però arevamo contenti, mo sannojenu.

Stemo a dicembre dù 2010!


Se po' di che na vota era quasi bellu mori! Quanno'u trasportu 'u facivenud'a Bbona Morte era tutta n'altra cosa! Vedivi 'st'ommini tutti vestiti de niru ,C0' 'n cappucciu niru 'n capu. Sti fratelluni quannuse 'ngollivenu 'a barella co 'u mortu sopre recitivenu e cantivenu sarmie pianu pianu, comme pè sta attenti a 'n.....cciaccal'ova t'accompagnivenu a Campusantu co' tanta devozzione e senza fretta.No come mo de cursa


Stevo a pensa : chi 'o sa perchè mezzu litru('na fojetta)te rillegreva 'u co're e l'anima? Che ..cce steva drento 'sto vinu? ......'O sudore!


Va ricordete 'a passeggiata.? A passeggiata era malandrina.? Ndo' se conoscivenu 'i Frascatani? 'Ndo' se troviveno 'a regazza? 'Ndo' ijvenu pè fasse vede' 'u vestitu novu'? P'a Passeggiata.


E quanno nnavamo a comprà i pennini o i quaderni da CHIARINA.....e i pescitti de rigolizia da ARISTITE ROMANI......



Chi 'o sa perche'
'a paghetta de 'na vota te 'bbasteva pe'tutta 'a settimana?-Perchè era tanta?-No! - Perchè era poca!


Stevo a pensa : na vota p'a Passegiata,all'iniziu ce steva n'aberu grossu come 'na casa.Se chimeva laberu de è bucie. Quante se ne dicivenu, pè sta pesseggiata!


‎'U GGIRU D'U FORTE-Padremu me ricconteva.All'or de notte s'useva fà ggiru d'u Forte(p.za, i Gesu',p.za S.Pietro,via Matteotti,via Paola,p.za Spinetta e via Cairoli) Stu ggirijttu prima de ritirasse se teneva da fà!'U facivenu è matri è fije,i padri è fij,i regazzi cò e regazze,vecchi e giveni.Sé raccontivenu l'utime f...regnacce,l'utimi bacjtti,parole doci,pò tutti a casa! 'A sera dopo sè riccominceva!-ER SOR METEO-


A TOMMOLA-Cò stu friddu de 'mo me ve mente che 'nvota de sti periodi à sera se steva dentro casa, vicinu à stufa economica che ieva sja a legna o carbo',sopra stufa cera na pila co 'u sgommarellu dentro ce steva 'u vjnu callu.Po tuti ntorno a'u tavolu se giocheva 'a tommola sia munelli che vecchi,ogni nummeru era na co...jonella,28-'u prevete, 77-è zampe d'e femmjne,23-'ubusciu.Pe segna 'u nummeri su cartelle se mettivenu e lettichie o fascioli,che ognitantu jvenu per'aja!


MERLI-'A Funtana di Merli,so passati i tempi so passati l'anni e cose,ma a funtana sta sempre là.Passennice vijcinu è guardennice dentro sè rispecchia n'homo cò i capjlli bianchi,n'a voce jè se sente dentro -'A regazzi tu' sì statu 'a d'à focu à funtana tè sò vistu- mentre sè asciuga na lacrima sossura- none, none,io 'nu 'so statu si vistu male.


Amedeo Panattoni
‎'u scopinu-'Nvota 'u scopjnu tutte è matjne co a trombbetta soneva pe i cortjli aè capi de scali,tutti mette i sjcchi fora a porta,issu co 'u sacco 'ngollu sè faceva tutte è scali,pò riscennenno svoteva i sicchi finu a 'u portò,poseva 'u sacco pinu è 'npieva natru votu e natru porto e cosi via. Quannu finisceva se pieva à scopa è pulisceva a strada,tuttu riccojva ce tenivenu a tene pulitu(Mo se sò iventati a porta a porta machè?)'Nvota Frascati era è sette bbellezze nò mò. -ER SOR MEDEO

Anna Troiani ciao amedeo.....quando che stava u munnezzaru.....era tutta un altra cosa...adesso come te giri te giri male.....al centro..xchè è il centro....la periferia..xchè è periferia cè vengono con i furgoni a buttare de tutto......siamo noi caro amedeo che siamo una massa d'incivili......


‎'U CENONE-I parenti e viscini se mettivenu d'acordu pè radunasse dè ntro na casa è ogn'unu porteva una cosa cucinata,pasta,frittu, docci , carcjiofi a giudja,vinu novu finocchi a cazz'impero.Se magneva e se beveva,se rincuntevenu ì cazzi dell'atri se cantevenu ì stornelli.Se giocheva a sette mezzo a sorichetta,tommola ....Poco prima de mezzanotte tutti a messa a Sarrocco aspettà 'u Bambinellu, se fasceva a sfilata d'avanti 'u Pressepe sè 'usceva a cerca barre apertu pè piasse 'u mischiu.E BON NATALE-ER SOR MEDEO.


‎'Ao facetive 'nu bellu regalu à 'u cenone dè Natale,parletive n'djalettu Frascatanu 'nu vergognetive a fijndecunti è lengua dj nonni è de padri è paretela ai fji sossi 'nseperde a 'u dialettu.Ogni veru Frascatanu 'u conosce basta tiralla fora 'nu è 'ngnoranzaè tradizione.E'facetive 'u brindesi come n'vota vinu rusciu c...allu e arzetive n'piedi e strillete"bevivenu j nostri avi-si-bevivenu j nostri nonni-si-bevivenu j nostri padri è nnuji fji semo bevemo,bevemo!Facjteve Bone Feste-SOR MEDEO


Stevo a pensà-Và à dì oggi à n'gi ovine dè quissi d'azzasse à è tre dè matina pè i n'chiesa. Grassu che cola se cè vannu a mezzugirnu!Ma n'vota al'Ottavianu dì morrti era ppipinaru dè munelli,dè chirichitti che mezzu i Fratelluni dè a bbona morte parivenu puscini, puscini 'ntorno a Monsignore ce faceva bbiocca.Erenu... belle ste Messe icanti ì cori l'odore d'incenso e femmine che risponnivenu à 'u prete, mezzu lLatinu mezzu Frascatanu.Mo tuttu dè cursa ,curi curi tantu facemo tutti à terre pè ccici ! ER SOR MEDEO


La vera, lingua Italjana è 'u Frascatanu. Pare na fregnaccia! Basta de fatti, fasse 'ndrietro de millenni quannu Tuschelu e Tuscolani, facivenu tremà 'u Munnu è li Romani. Questa è storia! Er sor Medeo



E spajatu chiamà 'u Frascatanu 'ndialettu.Ma se tè dà chiama' lingua! La vera l'unica lingua Italiana.Quilli iti luntani a'nnu formatu tutti l'atri dialetti, mentre quilli rimasti sotto 'u colle, se facinnu tante capanne de frasche dè ginestra e sequitinnu a parlà la vera lingua che ribbatezzinnu 'U FRASCATANU. ... Sor Meteo


'u scopinu-'Nvota 'u scopjnu tutte è matjne co a trombbetta soneva pe i cortjli aè capi de scali,tutti mette i sjcchi fora a porta,issu co 'u sacco 'ngollu sè faceva tutte è scali,pò riscennenno svoteva i sicchi finu a 'u portò,poseva 'u sacco pinu è 'npieva natru votu e natru porto e cosi via. Quannu finisceva se piev...a à scopa è pulisceva a strada,tuttu riccojva ce tenivenu a tene pulitu(Mo se sò iventati a porta a porta machè?)'Nvota Frascati era è sette bbellezze nò mò. -ER SOR MEDEO



L'ora
-Da munello quannu sentevo sona' e l'ora da' e campane du' campanile de Sarrocco nu' ce capiscevo gnente pè sapè c'or'era dopu e sei, metoccheva fà jcunti,à è sette soneva 'na vota e tenevo dà fà unu cò 'u riporto dè sei fà sette,a e otto soneva du voti e allora due co riporto dei fa' otto e cosi dicenno. Pare 'na ...fregnaccia a fine cè rinuncivi 'u primu che passeva cè chiedivi c'or'era e finiseva a storia -ER SOR MEDEO


Stemo ner 2011

ER SOMARO E EL LEONE:-Anticamente quanno nun cera la democrazia,la classe nostra nun valeva gnente. Mi nonno infatti prr avè raggione se copri co' la pelle d'u un Leone e fu trttato rispettosamente. - So' cambiati li tempi, amico caro:-fece el LEONE- ormai la pelle mia nun serve piu' nemmeno da riparo. Oggi,pultroppo, ho perso l'influensa, e ogni tanto so' io che pe' prudenza me copro co' la pelle de somaro!



U' CULU
: ( strumento per filtrare il vino )
me riccuntivenu che 'ngiorno, ma n'saccio quale, a processione passeva pe i vicoli de u matone, era u periodo de a svinatura e da 'n tinellu se sentì na voce che strilleva a quillu che ce abiteva sopre:<< Compà, compà...mu presti u culu!?>> e quillatru n'tu pozzo dà, compà, u tengo zuzzu!Nina nanna pija sonno., che se dormi nun vedrai tante infamie e tanti guai che succedeno ner monno.Fra spade e li fucili de li popoli civili.


A SCOLA : Chiarina e Romani-Quannu da munellu jevo a scola ae comunali,a matina prima da esci da casa mea matrima me deva i sordi pe comprà 'u quadernu na matita o na gomma. Ce steva sempre da pià pe scola. Se passeva da Chiarina,escivi e passivi da Romani stu negoziu steva davanti a Chiarina. Romani venneva de tuttu da regolizia a li giocattoli;me comprevo e palline colorate de terracotta. Devanti a scola mo ce sta a piazza de Garibaldi, prima era terrapienu,se faceva na buca co 'u taccu da scarpa è se ggicheva a zipidì zipidè è buca cè. A su ggiochu co tre tiri dovivi manna buca e palline di compagni. Pò jvi a casa madrima me chideva 'u restu ?, Je risponnevo che eranu aumentati. Cou cavolu ce credeva, ne tenevo da fa de giri de tavolu co essa dietro co 'u pistasale

I chirichitti de Sarrocco

I chirichitti de Sarrocco,litichivenu pè gnente e pè gnente rifacivenu pacce! Se liticheva p'accenne 'e cannele,pe smorzale pèi pè a bussoletta,pè portà l'icensiere pè sonà 'u campanellu,pè servi messa,erenu spinte e gomitate,sguardi che te dicivenu"quannu escemo so cazzi tei".Se liticheva, pè gnente se rifaceva pace. appena finita 'a fuzione se jeva tutti a gioca e... se ricominceva a liticà e se rifaceva pace,sa storia dureva fina a notte,Se jeva a casa tuti zuzzi e sudati e stracchi ma contenti.


L'onestà de mi nonna

Quanno che nonna mia pijò marito nun fece mica come tante e tante che dopo un pò se troveno l'amante ..... Lei ,in cinquantanni, nu' l'ha mai tradito! Dice che un giorno un vecchio impreciuttito che je voleva fà lo spasimante je disse:-V'arigalo 'sto brillante se venite a pijvvelo in un sito.- Un'antra, ar posto suo, come succede, j' avrebbe detto subbito.- so pronta. Ma nonna onesta, nun ciagnete; anzi je disse:-Stattene lontano...- Tanto ch'adesso, quannno l'aricconta , ancora ce se mozzica le mano."
pe chi no sà è TRILUSSA"


"LA FRETTA"

Aò sa i che nova c'è? Io nun c'ho più fretta e me butto drent'ai meandri dè nà fraschetta. Con le zampe sotto ar tavolinoe in compagnia n'ber fiasco de vino,me guardo intorno soddisfatto,finamente ho smesso de sbricamme come un matto! e mentre er cannellino m'arriva ar gargarozzo,rido co n'amico e ordino n'artra fojetta. La vista me se annebbia ma non la mia coscienza che si mette a riflette sull'umana esistenza. a che serve stà sempre acore pè tutte lle raggioni si so quasi rotture de cojoni!

venerdì 29 aprile 2011

DOMANDA E RISPOSTA : ricevo da un residente di Vicolo di Colle Pizzuto


Pregiatissimo sig. Cristofanelli,

le scrivo per segnalarle che, nonostante l'interessamento del gentilissimo consigliere Matteo Filipponi, e le promesse dell'assesore Paoletti,
al momento ancora nulla è cambiato in Vicolo di Colle Pizzuto.

Non solo la strada non è stata asfaltata, ma neppure la luce vi è stata posta nonostante richiesta avanzata il 16 luglio 2007.

Mi chiedo se un cittadino che paga regolarmente le tasse debba essere trattato in questo modo.

Alessandro D'Amico.



Questa segnalazione verrà inoltrata all'Assessore Romualdo Paoletti con la speranza di ottenere un esito diverso da Via San Giacinto.

Frascati da città a borgata.


Frascati, Città defrascatanizzata aspirante al titolo di “borgata”.


Guarda Frascati, è tutto un sorriso, ‘na delizia, ‘n’amore, ‘na bellezza da 'ncantà.

Così, Ettore Petrolini, negli anni venti descrisse Frascati nella sua celebre canzone “Gita ai Castelli.

A distanza di tempo, ho ritenuto ripercorrere un’ itinerario turistico per le vie del paese, per valutare lo stato le bellezze di Frascati che dovrebbero attirare l’interesse la curiosità di un turismo selezionato e qualificato visto la fama di Frascati nel mondo.

Partiamo dalla Tuscolana all’altezza del “Crocefisso”.

Sulla destra si ammira uno splendido esempio di edilizia “entre nous” che svetta in una delle più belle aree di Frascati; area che avrebbe richiesto un intervento urbanistico più consono, visto l’interesse altamente paesaggistico del luogo.




Percorrendo la Tuscolana si arriva all' ingresso della stessa nell'area urbana dove, sulla destra si può ammirare l'ex prestigioso Ospedale di Frascati, dove si nasceva frascatani; ora, altrove, si nasce marinesi.

Un’antica istituzione voluta dal Cardinale Ludovico Micara intorno al 1820 ( consiglio il Sindaco di rimuovere il busto del Cardinale posto nell’androne e collocarlo nel museo del “Frascatino” ) prima che se lo freghino, come se so’ fregati il quadro raffigurante San. Sebastiano Martire.

Adiacente all’Ospedale, al centro dell’incrocio, il santuario della Madonna di Capocroce , per la quale molti Frascatani nutrono particolare devozione avendo salvato la città dai Lanzichenecchi , ferita dal bombardamento dell’8 settembre. E’ rinnovato su indicazioni “scientifiche” il “miracolo” dei due volti .

Girando a destra, si sale verso la rotonda bivio Frascati - Grottaferrata.

Si può ammirare la sontuosità di Villa Torlonia, sovrastante un splendida fontana di architettura settecentesca che dovrebbe rappresentare il biglietto da visita del paese.






Niente affatto; è solo l’annuncio del degrado che si troverà visitando Frascati. Andrebbe restaurata, ma quando?

Costeggiando Villa Torlonia ammiriamo la prima fontana monumentale secca. Ricordo che il principe Torlonia voleva vendere il palazzo al comune di Frascati, ma la cecità politica d’allora rifiutò l’occasione. Un grande ristoratore romano “Gigi Fazi” utilizzò la foresteria della villa per allestire un ristorante di lusso con orchestre afro-cubane per allietare gli avventori. Il ristoratore, per qualificare il suo ristorante, spostò la targa a memoria di Annibal Caro dal palazzo di Villa Torlonia alla foresteria ove tutt'ora risiede.

La stessa cecità ha impedito la realizzazione di un parcheggio sotterraneo ideato da Pietro Micara, di dare seguito alla proposta di Osvaldo Molinari di acquistare la ville del circondario, come quello del gruppo politico (P.C.I.) con Franco Posa, che impedì l’acquisto di Villa Lancellotti.

Proseguo la strada d’imbocco per arrivare a Piazza Marconi (“prossima Piazza dei Cammelli”)

La prima stonatura più evidente è l’Ufficio Postale.





Il marmo che lo ricopre è un pugno in un occhio; andrebbe sicuramente rivisitato sostituendo il marmo con il peperino di Marino. Proseguiamo e troviamo il “cavallo di WIND”, un’opera che non si addice al contesto ove è collocata, ma la pubblicità è l’anima del commercio e un cavallo “sandwich” rappresenterebbe una forma “occulta” di comunicazione commerciale a mio avviso poco dignitosa per un paese come Frascati.

Proseguiamo e percorriamo il vialone di Villa Torlonia . Ammiriamo la splendida scalinata che porta ai giardini e alla fontana del Maderno.




Di recente è stata assoggettata ad un restauro che era meglio non fosse stato fatto. Non sono stati rifatti gli intonaci come in origine. Sono solo state ripulite le fontane, anche queste “secche”, illuminate da una lampionatura inadatta allo stile della villa.





( Questo il risultato dopo l'uso di " tinte " inadatte : l'umidità è a tutta vista )




Mi domando per quale motivo sia stato allestito un “cantiere” operativo per mesi; in sintesi era meglio lasciarla com’era. Diverse panchine di pietra sperone non ci sono più e in conclusione stiamo perdendo uno altro pezzo di bellezza irripetibile di Frascati . “Deve diventare borgata”




Ritorniamo su “Piazza dei Cammelli” ( richiamo alla desertificazione di Frascati ) oggi Marconi, giriamo a destra per ammirare il “portale” di Villa Aldobrandini e ci troviamo al cospetto del Frascatino, un tempo stalle della villa Aldobrandini che il borghesismo di sinistra ha elevato a Scuderie.



Poi la Cantina del Conte Tommasi che ne modificò l’aspetto originale curato dall'arch. Busiri Vici.

Frascatino nasce da “STABILIMENTO ENOLOGICO FRASCATINO”. Non mi resta che piangere davanti ad un qualcosa di indefinibile e inqualificabile rimaneggiamento realizzato in modo “scellerato” che lo ha danneggiandolo in modo irreparabile. Il complesso di pregevole interesse storico architettonico “offende” l’armonia della piazza.

Sotto la grondaia primeggiava una scritta:

TUSCOLO ARRIDI A ROMA CHE VEDESTI NASCERE.

Non si legge più.




All’interno del “Frascatino” c’è la parte archeologica della “Fontana dei Passeri” ; quelli della mia età se la ricordano, un sarcofago per infante e due leoncini con l’invaso che componevano la fontana. I leoncini avevano la testa erosa dalle nostre scarpe per arrivare alla bocchetta della fontana.

Purtroppo la “scienza” ci ha tolto anche la composizione della fontana. Il Sarcofago sta da un parte e i leoncini da un’altra. Questo per nascondere il danno causato al sarcofago.

Una fontana di intenso significato per i frascatani che andrebbe ricomposta solo per questo. Ma il processo di defrascatanizzazione passa anche per questo e non c’è stato verso di poterla ricomporre.

Ho sensibilizzato tutti ma non frega niente a nessuno

Fuori il Frascatino c’è un masso con alcune frasi in spagnolo di Pablo Neruda. Purtroppo il Sindaco e gli Assessori forse ignorano che Pablo Neruda a Frascati ha dedicato una sua poesia. Non si può sapere tutto nella vita, quello che non sappiamo lo ignoriamo.

Un’illuminazione ( si fa per dire ) da borgata caratterizza il buio notturno, a significare “Buonanotte Frascati" di una delle piazze più belle d’Italia.

Continuo il giro della piazza e vedo la Passeggiata altro esempio di architettura modernista che presto sarà intitolata a Domenico Modugno creatore della famosa canzone “nel blu dipinto di blù”. Il blù che è il colore preferito dal’ S.T.S.

Sembra, ripeto sembra, che il panorama che si gode dal balcone, sarà inquinato da una massa architettonica che vedrà un supermercato collocato nel parcheggio della stazione ferroviaria con un notevole impatto ambientale. E forse questa è la ragione per ostacolare le attività della piccola distribuzione. Una domanda si pone, Ma Posa è il sindaco di Frascati o il commissario liquidatore della nostra ex Città?

Non vorrei sbagliare, magari sono male informato. Sembra che stia vendendo il patrimonio miliardario, dei frascatani, pe un “cucchiaru” de letticchie.




Continuo per Via Diaz, e sul muro in alto vediamo i segni dell’elevazione del parapetto della sovrastante Piazza Mazzini.

Continuando per Via Vincenzo del Grande constato che tutto il muro è lasciato in un totale degrado.




Stessa sorte per il sottostante muro di Via Ludovico Micara.




Alla fine di via Vincenzo del Grande una segnalazione turistica ( centro storico ) ci fa pensare che chi l'ha posta non sappia dove si trovi il CENTRO STORICO. Figuratevi se “sa” che in origine era chiamato Tusculum Novo.

Possibile che nessun consigliere comunale abbia segnalato l’errore, oppure è voluto? E' voluto è voluto !

Giro per via Marcantonio Colonna, e mi trovo davanti al palazzo Vescovile.

La Rocca rappresenta il primo nucleo storico di Frascati. Un esempio di policromia fai da te che offende l’arte e l’estetica ( come dire, i frascatani hannu fenitu i sordi o er gusto ). All’interno ancora è presente il Sarcofago di Via delle Tre Cannelle, che dovrebbe stare nel Museo del Frascatino, ma sta qui e non mi spiego il perché.

Nel centro storico stanno rimovendo tutti i “tombini” in selcio, bellissimi, per sostituirli con quelli in ghisa di una schifezza unica. Il fatto l’ho segnalato al carabiniere di quartiere e a qualche vigile urbano; a chi altro lo debbo dire?

Non è successo niente.

Anche nella fattispecie non frega niente a nessuno.

Si scende per Via della Verdesca e arriviamo sul muro di Via Regina Margherita ( pè noiatri ù muru de Via Pensa). Un muro bellissimo un’opera di grande pregio architettonico, unico nel suo genere che andrebbe restaurato ripulito ( se sanno come si fa) e preservato.

( dice la lapide, ornata di nobile e abbondante palatana, che " Il nuovo rinfiancamento di mura rizzate sopra i ruderi della Villa di Lucullo tolse allo squallore l'estremo lembo della città e le crebbe sanità e bellezza. Anno MDCCCLXXXIX XII del Regno di Umberto I ")


Anche in questo caso il degrado regna sovrano. In un processo di borgatizzazione non si rimane insensibili di fronte a sì tanta opera, per questo si procederà alla sua manomissione, alzando la balaustra e non capendo che la sicurezza sta nella larghezza e non nell’altezza.

Il sito, nella parte a monte della via, verrà inquinato da un ascensore con musica diffusa di “Rossini”
e dalla collocazione del futuro mausoleo del vino che comprometterà definitivamente l’armonica estetica di un’opera unica attribuita a disegno del grande Architetto Valadier e nel recente secondo dopoguerra risistemata dall'Arch.Busiri Vici.

( Nota della redazione : dal consiglio Comunale del 23 febbraio 2010
-
L'Ass. Paoletti risponde al Consigliere Privitera sull'argomento :

ASSESSORE PAOLETTI. Signor Presidente, colleghi Consiglieri, con il Consigliere Privitera siamo andati delle volte lì in cantiere e sappiamo la complessità di quel cantiere.
È complesso intanto perché alcuni dei locali erano di proprietà privata, non del Comune, quindi l’Ufficio Patrimonio sta perfezionando delle permute e delle entrate in proprietà dei locali di privati in cambio del rilascio di locali che erano pubblici e dovevano cercare di definire queste permute affinché non ci fosse una differenza economica tra quello che acquisivano e quello che veniva lasciato ai privati. Locali del Comune che venivano lasciati ai privati.
Poi, il lavoro in sé è molto complesso, perché lì vengono realizzati quattro diversi massetti, quindi ognuno deve fare la sua fase di maturazione. Ancora più difficile è il lavoro di consolidamento delle volte, perché stiamo facendo questo, stiamo rinforzando e consolidando tutto l’apparato murario che sostiene la strada.
Condivido che i lavori potevano andare un po’ più velocemente. L’Ufficio, il responsabile Consiglio comunale di Frascati del procedimento ha già scritto alla direzione lavori – che non è l’Ufficio Tecnico, ma il Provveditorato – e anche alla ditta, specificando che ci sono delle urgenze e delle priorità che sono quelle di mettere in condizione gli esercenti e le attività dei ristoratori, che stanno
su Via Regina Margherita, di aprire per il periodo estivo dal 15 maggio al 15 settembre con eventuali proroghe, quindi di completare tutte le opere realizzabili per quella fase. Sul discorso del transito dei veicoli, la parte che abbiamo chiuso iniziale fino al Largo Casini, in realtà il progetto lo prevede pedonale, quindi non è che intralcia o ostruisce il discorso del traffico. Condivido che deve esserci più celerità. Ho fatto scrivere agli Uffici. Adesso faremo delle verifiche, perché l’impresa contestava la non presa in possesso dell’intero cantiere, dovuto al fatto che il Patrimonio doveva sistemare quella permuta dei locali.
Come auspicate voi – ma anche noi come maggioranza – abbiamo tutto l’interesse a
chiudere il prima possibile i cantieri, i lavori. Anche le ditte che hanno l’appalto, hanno questo interesse. Purtroppo quello che diceva che lei del tempo, un giorno la neve, il ghiaccio, non aiuta a far dei lavori all’aperto, perché poi se si fanno dei lavori...
Morale : a fine APRILE 2011 U' BUCIU sta ancora lì ! )

Museo del vino?

Sarà solo il “mausoleo” a perenne ricordo di un prodotto che ha contribuito alla fama di Frascati nel mondo e che stiamo perdendo a causa della speculazione selvaggia a cui è sottoposto.. anche in questo caso il disinteresse regna sovrano.

Un giro per piazza San Pietro e anche qui ammiriamo la fontana del Fontana, secca anch’essa. Di recente è stata sottoposta a restauro (si fa per dire); l’architetto ha pitturato le vasche in basso di pietra sperone e montando il marmo bianco alla base ha rotto l’armonia visiva di un’opera d’arte.

Passiamo per Piazza del Mercato, una piazza concepita nel 1600; di recente fatta oltraggio di una latrina; verrà anch’essa manomessa e snaturata da un intervento finalizzato più ad ostacolare le attività relative alla piccola distribuzione? Bisogna favorire i supermercati quelli della “casta” ! E davanti alla “casta”......... La “casta è casta”. Dell'estetica che ce frega?

Non a caso, devo dare ragione a uno dei miei maestri, il compianto Federico Zeri, che diceva: gli ignoranti rinnovano e i cultori conservano.

Frascati invece di “Stato Comune" è " Stato da Polizia Urbana”: circa due milioni di euro di contravvenzioni l’anno ne sarebbero la conferma. Fanno contravvenzione pure dove non si deve fare, che voi fa?

Ma il danno più grande che potessero fare le due ultime amministrazioni guidate da Posa è quello di aver cambiato il personale dirigente, tanti impiegati comunali, compreso tanti vigili urbani oggi sostituiti con forestieri, che non conoscono gli abitanti e tanto meno i monumenti di interesse turistico.

Questi ultimi sono agenti di polizia e non sono abilitati a lavori diversi, magari di valorizzazione turistica. Per questo c’è l’ufficio per il turismo dove, per eccesso, forse non “sanno” nemmeno dove sta piazza Marconi.

Il degrado in tutte le sfaccettature che riguardano il nostro paese è intollerabile.

Nel Consiglio Comunale ci sono i “Verdi ambientalisti” e cementificano e tagliano gli ulivi; c’è “Rifondazione” e privatizzano l’acqua, ci sono gli architetti e devastano le bellezze architettoniche di Frascati. Poi si domandano il perchè dell’anti politica.

Devo dare ragione a Trilussa.

In conclusione se oggi dovesse tornare Franco Silvestri ( autore della canzone gita ai castelli) scriverebbe:

Guarda Frascati, è tutto un pianto, un inferno, uno sfacelo, che non ce se pò più campa.

Non credo d’esagerare, ma l’Amministrazione di Posa, per me, ci ha tolto l’orgoglio di essere Frascatani.

“ E la devastazione continua !”



Paolo Pellicciari




Dedico questo articolo alla memoria di Romolo Tardiola

giovedì 28 aprile 2011

LA POLITICA IN MEZZO ALLA GENTE : Blitz in Via San Giacinto !


Nella foto i residenti di Via San Giacinto ricevuti dal Sindaco Di Tommaso e dall'Assessore Romualdo Paoletti. Correva l'anno di grazia 2009


Insieme al consigliere comunale Mirko Fiasco e a Francesco D'Amico oggi abbiamo visitato Via San Giacinto per verificare CHE FOGNA CHE FA.

La storia è purtroppo nota. In Via San Giacinto era previsto un collettore fognario come da progetto comunale. Inspiegabilmente il collettore fu realizzato nella strada parallela, da qualche buontempone rinominata, non so per quale motivo, VIA PAGANI. Il nostro interessamento al problema nacque nel 2008, proseguì nel 2009 e consentì che i residenti potessero finalmente essere ricevuti dal Sindaco Di Tommaso, all'epoca SINDACO NOVELLO. Gli impegni espressi e presi furono per la realizzazione entro il 2010 del collettore. In ulteriori incontri dei residenti con l'Amministrazione i termini temporali vennero spostati di un anno. Al Marzo 2011.

Oggi, a fine aprile 2011, siamo purtroppo al ben noto " carissimo amico ".

Diciamo dunque, affermiamo dunque, che la Giunta Di Tommaso non mantiene gli impegni presi.

E mentre l'assenza del sistema fognario priva i residenti anche della fornitura di acqua potabile, assistiamo all'imperterrito procedere dell'edilizia in queste lande amministrativamente abbandonate.

EMOZIONI UNICHE, TIPICHE DEL DUCEnnio......... DA INTERROMPERE AL PIU' PRESTO !

Nei filmati che propongo la testimonianza sui fatti:

http://www.youreporter.it/video_Via_San_Giacinto_siamo_andati_a_vedere_CHE_FOGNA_che_fa_1

http://www.youreporter.it/video_Via_San_Giacinto_la_politica_del_prendere_in_giro_1

http://www.youreporter.it/video_Via_San_Giacinto_cosi_ti_faccio_spendere_soldi_a_uffa_1

A Vicolo di Colle Pizzuto un nuovo stadio di calcio ! Si chiamerà STADIO del DUCEnnio.

Si chiamerà STADIO del DUCEnnio la nuova opera in corso di realizzazione in Via VICOLO di COLLE PIZZUTO.

Dopo aver già realizzato gli spogliatoi, li vedete sullo sfondo del filmato, si passa in questi giorni all'allestimento del manto erboso.




Certo, ci sarà da sistemare la strada, già franata un anno fa.......

foto del 26 Aprile 2011

ci sarà da illuminare la strada d'accesso......... già impianto previsto dal 2008....... nel 2009........ nel 2010....... promesso nel 2011 !!!!!!!



Anteprima nel filmato :

http://www.youreporter.it/video_Frascati_Salutiamo_un_altro_vigneto_che_se_ne_va_1

mercoledì 27 aprile 2011

Eliminare la congestione del traffico urbano - di Roberto Vacca – 8/4/2011

Nelle città c’è ormai più di un’ auto ogni due persone. Perché il traffico sia fluido, almeno un quarto dell’area urbana dovrebbe essere riservata alle strade. Invece, la maggior parte dei veicoli, parcheggiata a bordo strada, riduce la superficie disponibile al traffico: la densità di auto è alta e la velocità è bassissima. Soluzione: non usare l’auto personale un’ora al giorno, ma condividi per il tempo che serve, un’auto che trovi all’angolo di casa. Poi la lasci dove vuoi - pronta per altro utente. Risparmi tempo e soldi.
Va sostituito il 90% delle auto private con una flotta in affitto pari al 10% dell’attuale parco urbano. Le auto condivise, senza autista, sono accessibili e pagate con carta di credito. I tuoi dati vengono trasmessi via radio alla centrale e alla banca. La rete offre 700 auto in affitto per km2. Di giorno la metà è in uso. L’altra metà è in attesa di utenti, che le raggiungono con un breve percorso a piedi. Dove trovare auto disponibili lo vedi in tempo reale su cartelli stradali con mappa e sui telefoni cellulari. Dopo l’uso, l’utente lasci l’auto e la parcheggi in sosta consentita. Non devi andare a prendere l’auto in centri di raccolta né riportarcela. Più questi sono capienti, più sono lontani. L’estrazione della carta di credito a fine servizio interrompe gli addebiti e segnala al centro il luogo ove è l’auto, il livello del carburante e l’eventuale diagnosi di guasti. Così il personale interviene per rifornimenti, riparazioni, rientro in garage. I serbatoi non si riempiono ai distributori, ma da autocisterne mobili (il processo è più facile e sicuro degli approvvigionamenti in volo).
Oggi la velocità media in città è 16 km/h (e anche meno) perchè la superficie stradale è occupata per 2/3 da auto ferme. Riducendo al 10% il numero delle auto, sparisce la congestione e si viaggia in città a 50 km/h. Maggiore velocità, migliore manutenzione e diminuzione del numero di auto migliorano la qualità dell’aria. Assicurazione, tassa circolazione, riparazioni, sono comprese nell’addebito su carta di credito che assicura anche identificazione e responsabilità civile. Gli utenti attestano via radio le condizioni dell’auto quando la prendono e quando la lasciano.
Vediamo come funzionerebbe il sistema a Roma, con un’area di 314 km2, una superficie stradale di 56 km2 (18% del totale) e un parco auto di 2 milioni e mezzo. In media ogni auto percorre 31 km al giorno. La mobilità totale è 2,5 milioni di auto per 31 km/giorno = 77 milioni di auto.km/giorno. La tabella analizza la situazione attuale (colonna di destra) confrontata con quella ottenuta eliminando 2 milioni di auto private e sostituendole con 200.000 auto condivise. Nelle ore diurne la metà di queste è in moto e le altre 100.000 sono parcheggiate a bordo strada in attesa di utenti. Così si triplica la velocità media, si risparmia tempo, si eliminano l’immobilizzo di capitale, che si deprezza gradualmente, le noie burocratiche e le ricerche di parcheggio.



Con 200,000 auto in comune....... Situazione attuale

Area delle strade = 18% del totale ....56 km2.......56 km2
Numero auto..........200.000........................2,5 milioni
auto ferme in strada.....100.000....................2,2 milioni
Numero auto in moto......100.000....................300.000
Area occupata da auto ferme......2 km2.............44 km2
Area libera per auto in moto......54 km2...........12 km2
Lunghezza corsie = area libera/3,5 m.....15,400 km.....3,400 km
Densità: auto in moto/lunghezza corsie....6.5 auto/km......88 auto/km
Velocità media (alta se la densità è bassa)......48 km/h.....16.5 km/h
Mobilità = auto in moto x velocità x 16 h/giorno [auto. km/giorno]
76,8 milioni
76,8 milioni

Questo sistema darà grossi vantaggi, se adottato su grande scala: introdotto con poche migliaia di auto in comune, non darebbe gran giovamento.
Diminuire drasticamente il numero di auto parrà un disastro all’industria automobilistica, ma i parchi auto si saturano ovunque. Dovremo reinventare obiettivi, risorse e mode. I mille chili della nostra auto non ci rendono mobili. Per viaggiare veloci a basso costo non servono 35 milioni di auto private, ma tre milioni di auto condivise. Ciascuna percorrerà 150.000 km/anno - e dovranno esser sostituite più spesso. I costruttori introdurranno innovazioni: alcune auto condivise trasporteranno un motorino con cui l’autista che le consegna a domicilio rientra in garage o recupera il veicolo alla fine del servizio.
Abbiamo molto da reinventare.

Il CODICE ETICO......... finalmente l'ho trovato !

CHIARITO IL MISTERO DEL CODICE mimETICO : VALE SOLO NEL PERIODO ELETTORALE.

DOPO......I MANIFESTI SI POSSONO AFFIGGERE OVUNQUE....... SENZA OBBLIGO DI DENUNCIA !

E VALEVA SOLO PER LE ELEZIONI DEL 2009. PASSATA LA FESTA .....VA TUTTO BENE MADAMA LA MARCHESA ! SI PENSI SOLO ALLE POLTRONE !



FRASCATI A SINISTRA
Associazione Politica
per la Sinistra Unita, per la Sinistra dei Cittadini

FRASCATI A SINISTRA Associazione Politica
Sede Legale: Via del Mercato, 18 – 00044 Frascati (Roma) – C.F. 92023580589
www.frascatiasinistra.it – info@frascatiasinistra.it tel. 349 7169458 – 348 7778896

Codice etico per le elezioni amministrative del 2009


Le forze politiche che aderiscono alla coalizione di centro sinistra per le prossime elezioni comunale della primavera 2009, si impegnano a non candidare alla elezioni primarie di partito o di coalizione per la carica di sindaco, né alla carica di sindaco né alla carica di consigliere comunale, nelle liste che aderiscono alla coalizione sottoscrivente, né a indicare come membri di giunta coloro nei confronti dei quali, alla data di pubblicazione dei comizi elettorali:

1) sia stato emesso decreto che dispone il giudizio, emessa misura cautelare personale non annullata in sede di impugnazione, emessa sentenza di condanna, ancorché non definitiva, ovvero a seguito di patteggiamento, per i seguenti reati:

- reati di mafia, di criminalità organizzata o contro la libertà personale e la personalità individuale;
- delitto per il quale è previsto l’arresto obbligatorio in flagranza di reato;
- sfruttamento della prostituzione;
- omicidio colposo derivante dalla inosservanza delle norme in materia di sicurezza sul lavoro;
- reati contro la personalità dello Stato, la Pubblica Amministrazione o la Amministrazione della giustizia;

- reati contro l’ordine pubblico, la incolumità pubblica, la fede pubblica, l’economia pubblica, l’industria o il commercio;
- produzione, traffico e detenzione di sostanze stupefacenti;
- reati contro l’urbanistica, il paesaggio, l’assetto del territorio e l’ambiente.

Per tali esigenze viene prevista la necessità di produzione del certificato del casellario giudiziale e dei carichi pendenti rilasciato dalla competente procura della Repubblica.

2) relativamente ai consiglieri comunali uscenti nella ultima legislatura che avrà termine nel prossimo 2009, i consiglieri comunali che non abbiano partecipato al 50% delle votazioni sulle delibere e gli atti di indirizzo della amministrazione di centro sinistra, nelle liste delle quali sono stati eletti e nella maggioranza a cui partecipano.
3) coloro i quali siano stati candidati in liste elettorali per formazioni politiche di destra o centro destra negli ultimi 3 anni (dalle elezioni politiche del 2006), fatti salvi gli accordi politici programmatici tra le forze politiche.

martedì 26 aprile 2011

Frascati ricorda Mauro Sabbatini

CITTA' DI FRASCATI

Comunicato Stampa

Dal 28 aprile al 27 maggio, sul campo dell’Oratorio di Capocroce, la manifestazione voluta, organizzata e dedicata alla memoria di Mauro Sabbatini

Al via la quinta edizione del torneo di calcio a 5 “Amici di Mauro”



Frascati, 26 aprile 2011 - «Un momento per rincontrarci e rivisitare una parte importante della nostra vita, in un luogo dove tutti siamo passati e, soprattutto, nel ricordo di un amico che ci ha accompagnato in questa nostra esperienza». Questo il senso che accomuna giocatori e organizzatori del “5° Torneo Amici di Mauro”, manifestazione voluta, organizzata e dedicata alla memoria di Mauro Sabbatini, che si disputerà dal 28 aprile al 27 maggio 2011 sul campo dell’Oratorio di Capocroce.
«Le partite - proseguono gli organizzatori - ci daranno la possibilità di vederci, parlarci, ricordare e divertirci, come facevamo qualche anno fa, ma nella consapevolezza che tutti abbiamo superato o siamo vicino ai cinquanta anni e, quindi, perfettamente in grado di capire il giusto spirito, il grado d’impegno e quello degli interventi che sono più consoni a tale tipo di partite».
«Un momento importante e dal significato notevole, per ricordare un amico ed un uomo di calcio - afferma Matteo Filipponi, Consigliere Comunale delegato allo Sport -. Sia da delegato allo sport che da amico, ricordo con piacere la figura di Mauro come giocatore, dirigente di calcio e persona stimata ed apprezzata da tutti. Un plauso agli organizzatori e un in bocca al lupo ai giocatori per questa grande festa dello sport e dello stare insieme».

___________________________________________________________________

Responsabile Ufficio Stampa: Massimo Silvi Telefoni: 06/94184248 348/0175874
ufficiostampa@comune.frascati.rm.it www.comune.frascati.rm.it

RIMBORSI D'ORO : MUNICIPIO CHE VAI ...... PD CHE TROVI !

Rimborsi Municipi, Pd Municipio VIII: “Non siamo tutti uguali!”

DA ROMA2013


“Non siamo tutti uguali!” Questo lo slogan della conferenza stampa indetta ieri dal gruppo consiliare Pd del Municipio VIII sul tema dei rimborsi ai consiglieri municipali. Dopo le dichiarazioni rilasciate alla stampa da parte di alcuni esponenti della maggioranza di governo, il segretario municipale del Partito Democratico, Andrea Sgrulletti, ha dichiarato con forza: “La composizione del Pd in Municipio VIII è estranea a comportamenti che possono essere censurati in rapporto all'utilizzo delle risorse pubbliche. I nostri consiglieri hanno posizioni trasparenti. Respingiamo al mittente questa vulgata, secondo la quale la classe politica sarebbe caratterizzata dagli stessi comportamenti. Il nostro intento – continua Sgrulletti - non è quello di entrare nelle singole vicende personali, ma ci interessa affermare che bisogna avere un alto livello di correttezza e di etica pubblica e che quando gli amministratori mancano in questo, sono in difetto rispetto ai cittadini”.




Tutta la conferenza, opportunamente divisa intervento per intervento, è consultabile sul canale youtube del Pd Municipio VIII

Riguardo le affermazioni del presidente del Municipio, Massimiliano Lorenzotti, il quale ha dichiarato alla stampa di essersi trasferito a vivere a Bomarzo (Vt), acquisendo così il diritto ai rimborsi per i chilometri percorsi, perché il territorio municipale sarebbe insicuro, “Tale affermazione – ha affermato indispettito Sgrulletti - è offensiva del buon senso: innanzitutto perché è poco credibile che le autorità di pubblica sicurezza per fronteggiare una minaccia all'incolumità del Presidente del Municipio consiglino la residenza a qualche km da Roma. Ma soprattutto perché se il territorio è insicuro lo è per tutti e il problema andrebbe risolto adottando politiche efficienti per la sicurezza, come si era promesso, a favore di chi qui ci deve vivere. Le motivazioni addotte dal presidente a giustificazione del suo trasferimento sembrano peggiori della situazione per cui viene accusato. Insomma, la toppa è peggiore del buco”.

Rincara la dose Doriana Mastropietro, presidente dell'assemblea municipale Pd: “E' talmente inconsistente il ruolo politico del presidente Lorenzotti nel territorio che credo non abbia dato fastidio a nessuno, visto che non ci sono segni evidenti del suo passaggio in VIII Municipio. Penso che andare a vivere a Bomarzo, dove c'è un bellissimo 'parco dei mostri', sia stata una scelta dettata dal suo piacere personale e non da motivi di sicurezza pubblica”.

Deciso e ponderato il commento del consigliere Pd Fabrizio Cremonesi: “Quando si parla di costi della politica sarebbe bene capire qual è il reale costo della politica e dove si verificano effettivamente gli sprechi. Penso che qualsiasi norma si adotti, ci sarà sempre qualcuno che farà il furbetto per tirarla verso il suo interesse. Il problema vero, a mio avviso, è che dobbiamo crescere tutti culturalmente. Non dobbiamo pensare di essere furbi nel momento in cui votiamo un furbo, perché il furbo è tale sempre, anche nei confronti del cittadino. Una maggiore consapevolezza del voto da parte dei cittadini potrebbe eliminare una parte dei problemi. Basta non votare i furbi e votare le persone responsabili e corrette. Bisogna tornare ad usare il sano buon senso”.

Riguardo la normativa che stabilisce le retribuzioni dei consiglieri municipali, Vittorio Alveti, consigliere Pd, specifica: “Finora il legislatore ha prodotto degli elementi affinché il consigliere municipale venisse retribuito. La trasparenza deve essere del consigliere stesso. Le norme vengono redatte per tutelare i cittadini, mentre l'assalto a modificarle che si sta verificando negli ultimi periodi fa sembrare che esse siano pensate solo per favorire qualcuno. Bisogna distinguere tra lo spreco e il costo della politica: è lo spreco che non è giusto che ci sia. Ritengo che i consiglieri debbano essere messi nella condizione di poter operare attraverso un compenso adeguato e che tutti siano messi nelle stessi condizioni, poveri e ricchi. Il compenso deve essere commisurato all'impegno”.

Riferendosi al Mille Proroghe, il consigliere Pd Arnaldo Contartese ha ricordato: “Noi stiamo discutendo di questo problema perché qualcuno al governo ha cercato di tagliare determinati fondi e tagliando questi fondi è venuto a colpire quelle persone che fanno politica in modo onesto e guadagnano poco. Si è creato quindi un caos che è stato ripreso dai giornali, mettendo però tutti nello stesso calderone. Dire che 'lo fanno tutti', e che 'tutti sono uguali' non va bene. Ci sono delle regole da osservare e c'è chi le usa nel modo giusto e chi fa il furbetto. Le norme devono dare la possibilità a tutti di fare politica e non è semplice redigere una norma che riesca a tenere tutti all'interno, ma qualcosa bisogna farlo. Se non ci fosse stato il Mille Proroghe questo problema non sarebbe emerso. Noi come partito dobbiamo fare un discorso globale e non entrare nei personalismi, perché ognuno risponde delle proprie azioni. Noi non abbiamo niente da rimproverarci, ma con questa norma hanno creato disparità tra chi svolge un tipo di lavoro e chi un altro”.

Visibilmente rattristato, il consigliere Pd Daniele Grasso ha citato un evento da poco vissuto: “Io sarò assente in questi giorni in municipio perché ho ripreso a lavorare. Personalmente non mi vedrete, ma se vedrete gli altri con il mio stesso problema vuol dire che c'è qualcosa che non va. Oggi hanno sgombrato una famiglia a Ponte di Nona e non sono potuto andare a supportarli perché ero al lavoro e la cosa mi ha rattristato profondamente. Le persone che hanno deciso di prendersi l'impegno di fare politica e di farlo in maniera onesta sono quelli che poi ci rimettono di più. Che un consigliere municipale dica in un'intervista che fanno tutti così è inaccettabile. A me non spaventa il fatto di dover lavorare, ma quello che mi fa male è dover fare le cose a 'mezzo servizio'. Dover dire 'mi dispiace, non posso esserci', è una cosa che fa male a me e alla politica al servizio dei cittadini. Non credo che la politica vada fatta solo da chi se lo può permettere. Noi veniamo da partiti che hanno sempre garantito questo ideale, ossia che la politica fosse per tutti, a cominciare da chi non se lo può permettere”.

Conclude l'evento il capogruppo municipale Pd, Fabrizio Scorzoni: “Fare i consiglieri onestamente per 16 ore al giorno credo che sia un vero lavoro. Ricordo che in tempi passati lo abbiamo fatto anche gratis, perché avevamo solo il gettone di presenza. Chi fa politica da tempo e ha seguito il percorso del decentramento amministrativo sa che le circoscrizioni non contavano nulla in città. Abbiamo quindi chiesto il decentramento amministrativo per i cittadini, per amministrare bene un territorio grande come Firenze. Per questo ribadisco che le persone devono essere messe in condizione di fare politica tutti allo stesso modo, non secondo la discriminante di chi è ricco e di chi non lo è, altrimenti il rischio peggiore è che interi pezzi della società non vengano rappresentati. Oltre a questo, tutti i consiglieri del gruppo municipale del Partito Democratico in Municipio VIII sono qui oggi perché dire che la frase 'così fanno tutti' è insopportabile e non si può accettare. E' il classico giochetto che si usa in politica a qualsiasi livello. E' la giustificazione che danno tutti quelli che non si comportano onestamente. Personalmente, sono orgoglioso di un gruppo che ha saputo fare una distinzione tra quello che consente la legge - argomento usato da tutti i furbetti a giustificazione delle loro nefandezze – e quello che consente la morale. Noi chiediamo una cosa semplice, che si costruiscano le condizioni che consentano a tutti di partecipare all'attività politica. Noi non siamo disposti a pagare le furbizie e le degenerazioni degli altri e ribadiamo che il lavoro onesto del consigliere municipale va supportato alla luce del sole, senza fare né rapine né furbizie”.

Appena scoppiato lo scandalo dei compensi d'oro nei municipi, il gruppo consigliare Pd in Municipio VIII ha scritto una lettera al Presidente della Repubblica, Giorgio Napolitano, in cui si è proposto di trasformare i gettoni di presenza in indennità di funzione, con una cifra plausibile da stabilire, prospettata intorno ai 2000 euro al mese, con obbligo di aspettativa non retribuita presso i datori di lavoro.

RACCOLTA DIFFERENZIATA : ANCORA CONVINTI CHE L'EREDITA' DELLA GIUNTA POSA SIA IL MEGLIO?



VIA DI MONDRAGONE E I DANNI DEL DUCEnnio.




lunedì 25 aprile 2011

Acceso dibattito all'interno di FRASCATI A SINISTRA



Fonti solitamente bene informate riferiscono di un acceso confronto all'interno di FRASCATI A SINISTRA e dell' OSSERVATORIO AFFISSIONI ABUSIVE.

Quest'ultimo, dal limbo in cui giace, sarebbe intenzionato ad una dura presa di posizione. In questo sarebbe sostenuto da una gran parte del PD frascatano.

Per dirimere la controversia, aggiunge una fonte previa assicurazione di anonimato, sarebbero stati chiamati a FRASCATI tre grandi dotti nel CODICE mimETICO.

Ma qui sarebbe sorto un altro problema ; del CODICE mimETICO si son perse le tracce.

La cittadinanza intanto attende, con malcelato interesse, l'esito della disputazione.





sabato 23 aprile 2011

MARINO : CHE MANIFESTO CHE FA.

INFURIA LA BATTAGLIA ELETTORALE IN QUEL DI MARINO.

Sono andato in Centro a verificare CHE MANIFESTO CHE FA.


Non spreca carta, non imbratta i muri : Cecchi voto 9



Gli innovativi in vetrina : RAPO, FLI, MINUCCI, PALOZZI voto 9






Rispettosi : ONORATI e PASQUALINI voto 7




Richiamo mediatico per RAPO : alla prossima scatta il TAPIRO GIALLO

Gira che ti rigira.....si torna sempre a PILOZZO !



A Monte Porzio Catone DARIO ANGELETTI fu un " personaggio ".

Fra le tante ricorrenti frasi due ne ricordo:

" A Montepò ce stanno solo dù belli, ìe e 'npò tu "

Ma la raccomandazione più assidua era questa :

" Cristofanè vidi comme tò dico bè..... nun te beve l'acqua de Pilozze o diventi matte ! "


LA FONTANA DI PILOZZO

Non c'è più chi dia questi buoni consigli !